Un bosco sboccia nel Parco Pinetamercoledì 25 luglio 2012

Un bosco sboccia nel Parco Pineta

Nel Parco Pineta un altro bosco è stato salvato dal degrado; si tratta di un’area di 180.000 mq, di proprietà del Parco, in Comune di Castelnuovo Bozzente, località Monlung.

I lavori, finanziati dalla Provincia di Como nell’ambito delle attività di compensazione, sono consistiti in:

  • miglioramenti del soprassuolo sotto l’aspetto selvicolturale e fitosanitario;
  • messa a dimora di 3.080 piantine forestali (tra cui farnie, roveri, frassini maggiori, carpini bianchi, aceri montani, ciliegi, olmi, sorbi degli uccellatori, rose canine e biancospini);
  • realizzazione di piccole opere di sistemazioni idraulico forestali al fine di evitare e limitare ulteriori dissesti idrogeologici;
  • realizzazione di uno stagno per anfibi finalizzato ad incrementare la biodiversità e fornire luoghi idonei per la riproduzione degli stessi;
  • sistemazione di una strada di accesso e di una strada tagliafuoco mediante utilizzo di inerti da riciclo certificati.

In questo bosco, su un progetto redatto dal Settore Agro-forestale e Faunistico del Parco, hanno lavorato, da novembre ad aprile, cinque aziende agricole (Del Vecchio Roberto, Maesani Matteo, Ferrario Pierangelo, Besseghini Massimo, Uboldi Luciano) impiegando 12 operatori forestali qualificati.

Il futuro delle piantine, come per le altre 18.804 (di cui 1.450 acquatiche e palustri) messe a dimora su 338.512 mq. nei 15 progetti realizzati dal Parco nell’arco degli ultimi 10 anni, è assicurato da ben cinque anni di cure colturali. Inoltre tutta la ramaglia ed i cimali sono stati cippati e portati alla Centrale di teleriscaldamento a biomassa vergine “La grande Stufa” di Villa Guardia (CO).

- Questa è solo una delle opere di riqualificazione portate a termine dal nostro Settore Agro-Forestale e Faunistico dichiara Mario Clerici, Presidente del Parco Pineta di Appiano Gentile e Tradate – l’attenzione per il territorio che ci caratterizza, porta ad interventi, anche considerevoli, finalizzati ad incrementare la naturalità dei nostri boschi –.

Ti è piaciuto l'articolo?